Riconoscere i benefici della vitamina E per la fertilità maschile e femminile

Tu e il tuo partner state cercando di avere un bambino ma siete incappati in problemi di fertilità? Puoi provare a prendere la vitamina E per la fertilità come un passo attento per superarla. Il motivo è che l'assunzione regolare di vitamina E può aumentare le possibilità di gravidanza.

La vitamina E e le sue funzioni

La vitamina E è conosciuta come un antiossidante che agisce per respingere i radicali liberi che possono rendere il corpo suscettibile a determinati problemi di salute. Questa vitamina svolge anche un ruolo nell'espressione genica e nella comunicazione tra le cellule, funzioni importanti per una gravidanza sana. Essendo uno dei nutrienti importanti, si ritiene che la vitamina E fornisca benefici per combattere tossine o veleni. Composti come il piombo, il benzene, il tetracloruro di carbonio e anche il mercurio che solitamente troviamo in vari prodotti, possono essere contrastati dall'assunzione di vitamina E. La condizione dell'organismo che è sempre protetto da malattie e tossine può influenzare positivamente l'equilibrio del ormoni, compresi gli ormoni che determinano la fertilità di una persona. .

Vitamina E per la fertilità maschile

Ecco alcuni motivi per cui dovresti assumere la vitamina E per la fertilità maschile:
  • Aumenta la motilità degli spermatozoi

La motilità degli spermatozoi è la capacità degli spermatozoi di muoversi. Una buona motilità degli spermatozoi è uno dei fattori importanti che possono determinare la gravidanza. Il motivo è che lo sperma deve attraversare una certa distanza per fecondare un uovo. Una rivista di ricerca pubblicata dall'International Journal of Reproductive Biomedicine afferma che il consumo di vitamina E negli uomini può aiutare ad aumentare la capacità di movimento degli spermatozoi.
  • Aumenta il numero di spermatozoi

Ogni ml di sperma rilasciato da un uomo contiene circa 15 milioni di spermatozoi. Se la quantità è troppo piccola può rendere difficile rimanere incinta. Sempre nella stessa rivista, si menziona anche che l'assunzione di integratori di vitamina E può aumentare i livelli di concentrazione degli spermatozoi. Una delle cause più comuni di infertilità negli uomini è il basso numero di spermatozoi. La diminuzione del numero di spermatozoi è più comunemente causata da infezioni e danni cellulari dovuti a stili di vita non salutari come il fumo. La vitamina E come nutriente essenziale può proteggerti da questi rischi.
  • Aumenta il desiderio sessuale

La ricerca mostra che per aumentare i livelli di testosterone nel corpo, è necessario mangiare cibi ricchi di vitamina E. Questo aumento dell'ormone può aumentare la resistenza e la libido maschile.
  • Aiutare il processo di fecondazione in vitro

Lo sperma di qualità è necessario nel processo di fecondazione della fecondazione in vitro. Grazie alla capacità della vitamina E di migliorare la qualità dello sperma, il tasso di fecondazione nei programmi di fecondazione in vitro studiati da una rivista è aumentato fino al 29%. [[Articolo correlato]]

Vitamina E per la fertilità femminile

A differenza degli uomini, la vitamina E per la fertilità femminile può avere i seguenti effetti:
  • Può addensare il rivestimento dell'utero

Il rivestimento sottile dell'utero o dell'utero può essere un importante fattore che contribuisce all'infertilità nelle donne. Consumando vitamina E fino a 600 mg al giorno è possibile aumentare il flusso nell'endometrio in modo da fornire nutrimento sufficiente per prepararsi alla gravidanza. Uno studio che ha esaminato l'effetto dell'assunzione di vitamina E sulle donne in gravidanza ha anche riferito che gli integratori di vitamina E possono aumentare il successo dell'impianto o l'attaccamento del prodotto fertilizzato alla parete uterina.
  • Trattamento della malattia fibrocistica del seno  

Il seno fibrocistico è una condizione in cui il seno ha un tumore benigno che si gonfia e diventa doloroso durante le mestruazioni. Uno studio suggerisce che il consumo di 600 mg di vitamina al giorno può ridurre il dolore al seno nelle donne durante il ciclo mestruale.
  • Trattamento della sindrome dell'ovaio policistico (PCOS)

La PCOS è una condizione comune che colpisce quasi una donna su dieci. Questa sindrome provoca squilibrio ormonale e rallenta il tasso metabolico. La PCOS rende difficile per le donne rimanere incinta. In uno studio è stato affermato che la somministrazione di antiossidanti, inclusa la vitamina E, ha determinato un significativo tasso di gravidanza nelle pazienti osservate nello studio.
  • Protegge il sacco amniotico
Si scopre che la vitamina E fa bene anche alle donne in gravidanza. La vitamina E può impedire che il sacco amniotico venga danneggiato facilmente, aumentando il rischio di rottura prematura delle membrane. Il sacco amniotico serve per accogliere il liquido amniotico che può proteggere il feto nell'utero.

Qual è la dose di vitamina E per la fertilità se stai pianificando una gravidanza?

La dose ideale per l'assunzione di vitamina E è di circa 500-1000 mg al giorno. La vitamina E per la fertilità non deve superare il livello di 1000 mg in un giorno. Un consumo eccessivo può danneggiare i reni. Tuttavia, questa dose non è un numero assoluto, è necessario prima consultare il medico in modo che il medico possa aggiustare la dose in base alle sue condizioni.

Fonte di vitamina E

Prima di assumere integratori di vitamina E, dovresti aumentare il consumo di alimenti che contengono la seguente vitamina E:
  • Verdure a foglia verde

Tipi di verdure come cavoli, cavoli, spinaci o cavoli sono ricchi di vitamina E e acido folico per la fertilità.
  • Noccioline

Mandorle, semi di girasole o sesamo sono ottime fonti di vitamina E.
  • Avocado

Gli avocado hanno dimostrato di essere uno dei frutti più salutari perché sono poveri di grassi saturi e carboidrati pur essendo ricchi di vitamina E.
  • Pomodori

I pomodori contengono alti livelli di vitamine E, K, ferro, acido folico e potassio.
  • papaia

Una papaia può fornirti quasi il 17% del tuo apporto giornaliero di vitamina E.
  • Oliva

Le olive sono una buona fonte esterna di vitamina E. Le olive possono darti il ​​20% del tuo apporto giornaliero di vitamina E
  • Kiwi

Il kiwi è noto per essere un'alta fonte di vitamina C, ma si scopre che questo frutto è anche una fonte di vitamina E. Il kiwi può aiutare a rafforzare l'immunità e anche la fertilità.

Note da SehatQ

La vitamina E è conosciuta come uno degli antiossidanti che possono aiutare il corpo a scongiurare i radicali liberi che causano malattie. Inoltre, soddisfare il fabbisogno giornaliero di vitamina E influenzerà l'equilibrio degli ormoni, compresi gli ormoni legati alla fertilità. Il consumo di vitamina E dovrebbe provenire da cibi sani. Consulta anche il tuo medico per assicurarti di aver bisogno o meno di integratori di vitamina E.

messaggi recenti