Polemiche, il pesce tilapia è un tipo di cibo pericoloso?

La tilapia è un tipo di pesce d'acqua dolce con molti tipi, incluso quello popolare, la tilapia. Il contenuto di selenio in questo pesce soddisfa il 78% della raccomandazione giornaliera. Tuttavia, il contenuto di acidi grassi omega-6 in esso può aumentare il rischio di infiammazione. D'altra parte, gli acidi grassi omega-3 di questo pesce a polpa bianca sono solo circa 240 mg, 10 volte inferiori a quelli del salmone. Infatti il ​​contenuto di acidi grassi omega-6 in esso contenuto è piuttosto elevato e rende questo pesce considerato rischioso al momento del consumo.

Il contenuto nutrizionale del pesce tilapia

Prima di discutere la controversia sul consumo, prima scopri qual è il contenuto nutrizionale in esso contenuto. In ogni porzione da 100 grammi di tilapia, ci sono nutrienti sotto forma di:
  • Calorie: 128
  • Carboidrati: 0 grammi
  • Proteine: 26 grammi
  • Grasso: 3 grammi
  • Niacina: 24% di raccomandazione giornaliera
  • Vitamina B12: 31% di raccomandazione giornaliera
  • Fosforo: 20% di raccomandazione giornaliera
  • Selenio: raccomandazione giornaliera del 78%
  • Potassio: 20% di raccomandazione giornaliera
Con solo 3 grammi di grassi per porzione, questo pesce è una buona fonte di proteine ​​a basso contenuto di grassi. [[Articolo correlato]]

Perché la tilapia può essere rischiosa?

Il vantaggio di mangiare pesce rispetto ad altre proteine ​​è l'assunzione di acidi grassi omega-3 in esso contenuti. Chiamalo salmone che ha 2.500 mg di omega-3 in ogni 100 grammi di porzione. Gli acidi grassi Omega-3 sono un tipo di grasso che può ridurre l'infiammazione e i livelli di colesterolo trigliceridi nel sangue. Questa combinazione può ridurre il rischio di malattie cardiache. Ma sfortunatamente, questo pesce d'acqua dolce contiene solo 240 mg di acidi grassi omega-3 in ogni porzione. Questa cifra è molto più bassa rispetto al salmone. Non solo, gli acidi grassi omega-6 nella tilapia sono anche più alti. Questo tipo di acido grasso è piuttosto controverso perché non è vantaggioso quanto gli acidi grassi omega-3. Alcuni, infatti, ritengono che gli acidi grassi omega-6 possano essere dannosi e aumentare il rischio di infiammazione se consumati in eccesso. Idealmente, il rapporto consigliato tra acidi grassi omega-6 e omega-3 è 1:1. Ecco perché molti esperti mettono in guardia dai rischi del consumo di tilapia, soprattutto per le persone con infiammazioni come le malattie cardiache.

Un'altra polemica sulla tilapia

Oltre al problema del contenuto di acidi grassi omega-6 superiore a quello degli acidi grassi omega-3, ci sono anche diverse altre controversie, come ad esempio:
  • Nutrire le feci

Diversi rapporti nell'ultimo decennio indicano che l'allevamento di tilapia è spesso scadente. Un rapporto della Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha osservato che gli allevamenti di tilapia in Cina sono stati nutriti con sterco animale. Contenuto Salmonella Si teme che nelle feci possa causare acqua contaminata. Questo sarà un fattore di rischio per la trasmissione di malattie attraverso il cibo. Questo metodo è presumibilmente fatto per ridurre i costi di produzione.
  • Rischio di esposizione all'inquinamento

C'è anche un articolo nel rapporto della FDA che ha respinto 800 spedizioni di frutti di mare dalla Cina nel periodo 2007-2012. Un totale di 187 dei quali erano spedizioni di tilapia. La ragione di questo rifiuto era perché il pesce non soddisfaceva gli standard di sicurezza a causa della contaminazione con sostanze chimiche pericolose. Include infatti residui di farmaci per animali e conservanti non sicuri. In effetti, il Seafood Watch del Monterey Bay Aquarium riporta anche diverse sostanze chimiche che possono scatenare il cancro e altri problemi. La sostanza è ancora utilizzata negli allevamenti di tilapia in Cina, sebbene sia stata vietata più di dieci anni fa. Date alcune delle preoccupazioni di cui sopra, dovresti scegliere il pesce tilapia che non proviene da allevamenti in Cina. L'esistenza di polemiche dopo polemiche non significa che questo pesce non sia adatto al consumo. Il contenuto nutrizionale in esso rimane buono e può essere una fonte di proteine ​​a basso contenuto di grassi. [[articolo correlato]] Ma se ci sono altre alternative, scegli pesci più sicuri e salutari come il salmone e la trota. Per discutere ulteriormente l'impatto del consumo di acidi grassi omega-6 sul corpo, chiedi direttamente al dottore nell'app per la salute della famiglia SehatQ. Scarica ora su App Store e Google Play.

messaggi recenti