Rifiuti medici: definizione, tipi e rischi del loro accumulo

I rifiuti sanitari sono i resti di prodotti biologici e non biologici prodotti da ospedali, cliniche, centri sanitari e altre strutture sanitarie, compresi i laboratori sanitari. I rifiuti sanitari possono essere sotto forma di sangue, fluidi corporei, corpi o apparecchiature contaminate come siringhe, garze, tubi per infusione e altro. Questi rifiuti, se non gestiti adeguatamente, possono essere fonte di contaminazione. Nei rifiuti di sangue, ad esempio, se proviene da un paziente affetto da una malattia infettiva, se qualcuno lo tocca accidentalmente, può trasmettere la malattia. Allo stesso modo con i rifiuti di siringhe che possono ferire gli altri se smaltiti con noncuranza. Pertanto, la gestione dei rifiuti sanitari è una cosa molto importante da fare.

Tipi di rifiuti sanitari

In base alla definizione di rifiuti sanitari, i rifiuti sanitari sono suddivisi in diverse tipologie. Ben l'85% dei rifiuti è uguale ai rifiuti o alla spazzatura in generale. Tuttavia, circa il 15% di esso è un rifiuto pericoloso che deve essere adeguatamente trattato per prevenire la diffusione di malattie. I seguenti sono i tipi di rifiuti sanitari secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

1. Rifiuti infetti

I rifiuti sanitari infetti sono rifiuti contenenti sangue o fluidi corporei che di solito provengono da determinate procedure mediche, come interventi chirurgici o prelievi in ‚Äč‚Äčlaboratorio. Questi rifiuti possono anche provenire da vari materiali monouso che vengono utilizzati per assorbire sangue o fluidi corporei, come garze o tubi per flebo. Sia il sangue che i fluidi corporei, come saliva, sudore e urina, possono contenere batteri, virus o altre fonti di malattie infettive. Pertanto, questi rifiuti vengono definiti rifiuti infettivi.

2. Rifiuti patologici

I rifiuti patologici sono rifiuti medici sotto forma di tessuto umano, organi interni e altre parti del corpo. Questi rifiuti vengono generalmente generati dopo l'esecuzione della procedura chirurgica.

3. Rifiuti taglienti

In alcune procedure di trattamento delle malattie, verranno utilizzati strumenti affilati come siringhe, bisturi usa e getta o lamette da barba. I vecchi strumenti affilati devono essere smaltiti in una scatola gialla brillante separata e contrassegnati specificamente per oggetti appuntiti. Il trattamento di questi rifiuti sanitari deve essere eseguito con molta attenzione.

4. Rifiuti chimici

Oltre ad essere biologici, i rifiuti sanitari possono anche essere chimici. Esempi di rifiuti chimici provenienti da strutture sanitarie sono i reagenti liquidi utilizzati per i test di laboratorio e i liquidi disinfettanti residui. Leggi anche:Zero Waste, uno stile di vita Zero Waste per salvare la Terra

5. Rifiuti farmaceutici

Anche questi rifiuti sanitari devono essere gestiti correttamente. Perché se viene smaltito con noncuranza, allora non è impossibile che ci siano persone irresponsabili che ne abusano. Esempi di rifiuti farmaceutici nelle strutture sanitarie sono i medicinali scaduti o quelli non più idonei al consumo a causa della contaminazione. Oltre ai farmaci, nella categoria dei rifiuti farmaceutici rientrano anche i vaccini non utilizzati.

6. Rifiuti citotossici

I rifiuti citotossici sono rifiuti o prodotti residui di merci tossiche che sono molto pericolosi perché possono scatenare il cancro e causare mutazioni genetiche. Esempi di rifiuti citotossici sono i farmaci utilizzati per la chemioterapia.

7. Rifiuti radioattivi

I rifiuti radioattivi sono rifiuti che provengono da procedure radiologiche, come i raggi X, le scansioni TC o le risonanze magnetiche. I rifiuti possono essere sotto forma di liquidi, strumenti o altri materiali utilizzati che sono stati esposti e possono emettere onde radioattive.

8. Rifiuti ordinari

La maggior parte dei rifiuti sanitari sono rifiuti ordinari generati dalle attività quotidiane nelle strutture sanitarie ospedaliere, come cibo per i pazienti, involucri di plastica per dispositivi medici e altri.

Rischio rifiuti sanitari

Se non gestiti correttamente, i rifiuti sanitari possono essere pericolosi, soprattutto per gli operatori sanitari e gli addetti alle pulizie degli ospedali. Di seguito sono riportati alcuni dei rischi che possono sorgere.
  • Ferite o incisioni dovute a trafitture da aghi usati o bisturi usati
  • Esposizione a tossine che danneggiano la salute
  • Ustioni chimiche
  • Aumento dell'inquinamento atmosferico quando i rifiuti sanitari vengono distrutti dalla combustione
  • Rischio di esposizione a radiazioni eccessive senza protezione
  • Aumento del rischio di malattie pericolose come l'HIV e l'epatite
Questo è il motivo per cui i rifiuti sanitari richiedono una gestione speciale. Di solito, nelle strutture sanitarie, esiste una squadra speciale incaricata di garantire che tutti i rifiuti sanitari vengano smaltiti in modo corretto.

Gestione dei rifiuti sanitari

Il protocollo di gestione dei rifiuti sanitari è stato regolato attraverso il Regolamento del Ministro della Salute della Repubblica di Indonesia numero 7 del 2019 relativo alla salute ambientale ospedaliera. In base a tali normative, i rifiuti che rientrano tra i rifiuti pericolosi e tossici (B3), devono essere sottoposti a speciali fasi prima di essere smaltiti. Ecco alcuni brevi punti che sono generalmente scritti nell'ombrello legale.
  • I rifiuti infetti e gli oggetti appuntiti devono essere sottoposti a un processo di sterilizzazione prima di essere bruciati con strumenti speciali e smaltiti.
  • I rifiuti farmaceutici solidi sfusi devono essere restituiti al distributore. Nel frattempo, se la quantità è piccola o non è possibile restituirla, deve essere distrutta o consegnata a un'azienda specializzata nel trattamento dei rifiuti B3.
  • I rifiuti citotossici, metallici e chimici devono essere trattati in modo speciale prima di essere smaltiti. Se la struttura sanitaria non è in grado di farlo, i rifiuti devono essere consegnati a un'azienda specializzata nel trattamento dei rifiuti B3.
  • I rifiuti chimici in forma liquida devono essere conservati in contenitori robusti.
  • I rifiuti sanitari in forma liquida non devono essere smaltiti direttamente nelle fognature.
[[articolo-correlato]] Nella gestione di una struttura sanitaria, i rifiuti sanitari sono una componente che non può essere ignorata. Perché se fai un passo sbagliato, i resti possono essere una fonte di malattia per gli altri. Se vuoi saperne di più sui rifiuti sanitari o su altre questioni relative alle strutture sanitarie, chiedi direttamente al dottore nell'app per la salute della famiglia SehatQ. Scarica ora su App Store e Google Play.

messaggi recenti

$config[zx-auto] not found$config[zx-overlay] not found