Sindrome di Steven Johnson (SJS), può essere curata?

Sindrome di Steven Johnson (SJS) è una malattia rara e grave che attacca la pelle e le mucose. Questa sindrome di solito si verifica a causa di una reazione al farmaco che inizia con sintomi simil-influenzali, quindi un'eruzione cutanea dolorosa come vesciche su tutto il corpo. Inoltre, lo strato superiore della pelle morirà, si sbuccerà e guarirà dopo pochi giorni. Sebbene questa malattia possa sembrare estranea al popolo indonesiano, la SJS è una condizione grave che può mettere in pericolo il malato. Anche nei casi più gravi, questa malattia può portare alla morte. Per evitare varie complicazioni, i pazienti con sindrome di Steven-Johnson devono ricevere immediatamente un trattamento appropriato. Pertanto, è importante che tu sappia varie cose su questa malattia rara.

Che cos'è Sindrome di Steven Johnson (SJS)?

La sindrome di Steven-Johnson è una malattia grave in cui la pelle e le mucose reagiscono in modo eccessivo a farmaci o infezioni. Questa sindrome è una malattia rara che colpisce solo 1-2 persone ogni milione di persone ogni anno. Sebbene di solito compaiano solo sintomi lievi, a volte il disturbo può manifestarsi anche in bocca, occhi, vagina, tratto urinario, apparato digerente e tratto respiratorio inferiore. Disturbi del tratto digestivo e del tratto respiratorio possono innescare necrosi o morte cellulare che possono poi portare a morbilità e persino alla morte. Sindrome di Steven Johnson generalmente innescato dall'uso di farmaci le cui reazioni possono verificarsi quando li usi o fino a 2 settimane dopo aver smesso di usarli. I farmaci che possono scatenare l'emergere della sindrome di Steven-Johnson, tra cui:
  • Farmaci anti-gotta, ad esempio allopurinolo
  • Farmaci anticonvulsivanti e antipsicotici comunemente usati per convulsioni e malattie mentali, come fenitoina, carbamazepina, oxcabazepina, acido valporico, lamotrigina e barbiturici
  • Antidolorifici, come paracetamolo, ibuprofene e naprossene sodico
  • Antibiotici, come la penicillina.
Inoltre, questa sindrome può anche essere scatenata da alcune infezioni virali o da germi. Le seguenti infezioni possono causarlo:
  • Virus dell'herpes o herpes simplex o zoster
  • Polmonite
  • HIV
  • Epatite A.
D'altra parte, ci sono diversi fattori che possono aumentare le probabilità di sviluppare la sindrome di Steven-Johnson, tra cui l'infezione da HIV, il lupus, l'indebolimento del sistema immunitario, l'aver avuto SJS in precedenza e una storia familiare di questa sindrome. Prima di usare determinati farmaci, informi il medico se si dispone di uno di questi fattori di rischio. [[Articolo correlato]]

Cause della sindrome di Steven Johnson (SJS)

La sindrome di Steven-Johnson (SJS) è una reazione allergica o ipersensibilità di tipo IV che di solito colpisce la pelle e le mucose e che è noto per aumentare il rischio a causa di alcuni cambiamenti genetici. Una delle cose che possono scatenarlo sono i farmaci. La maggior parte dei cambiamenti genetici che si verificano causano cambiamenti nel sistema immunitario del corpo. I farmaci che sono spesso associati come fattore scatenante di questa sindrome sono farmaci comunemente usati per trattare convulsioni, calcoli renali e artrite. Inoltre, è noto che classi di antibiotici come sulfonamidi e nevirapina per il trattamento dell'infezione da HIV sono fattori scatenanti. La causa principale è la presenza di acetilazione alterata nell'organismo, come nei pazienti immunocompromessi (come i pazienti con infezione da HIV) e nei pazienti con tumori cerebrali sottoposti a radioterapia con farmaci antiepilettici. L'acetilazione lenta provoca la disintossicazione incompleta dei farmaci nel fegato che poi provoca tossicità ad altre cellule immunitarie. Questa condizione tossica fa quindi sbucciare la pelle e si infiamma o si infiamma.

Sintomi della sindrome di Steven Johnson (SJS)

Sindrome di Steven Johnson spesso inizia con sintomi simil-influenzali e febbre. Entro pochi giorni, la pelle inizierà a formare vesciche e sbucciarsi, che poi si staccano e formano un'area della pelle simile a un'ustione molto dolorosa. Questi sintomi di solito iniziano sul viso e sul torace, quindi si diffondono ad altre parti del corpo. Questa condizione può anche danneggiare le mucose, compreso il rivestimento della bocca e delle vie aeree, che può causare problemi di deglutizione e respirazione. Anche vesciche dolorose possono verificarsi anche sul tratto urinario e sui genitali, rendendo difficile il passaggio dell'urina. Inoltre, la sindrome di Steven-Johnson spesso infetta anche gli occhi in modo che possa causare irritazione, arrossamento della congiuntiva (la mucosa che protegge il bianco degli occhi) e danni alla cornea. Un danno esteso in chi soffre di questa sindrome consente all'infezione di progredire ulteriormente, quindi è molto pericoloso. Tuttavia, ad alcuni pazienti viene diagnosticata la sindrome di Stevens-Johnson prima di mostrare segni di disturbi della pelle. Pertanto, diversi studi hanno trovato alcuni segni e sintomi precoci di SJS a cui prestare attenzione:
  • Febbre
  • ortostatico
  • Tachicardia
  • Bassa pressione sanguigna (ipotensione)
  • Perdita di conoscenza
  • epitassi
  • Occhi rossi (congiuntivite)
  • Ferite nella cornea (ulcere corneali)
  • Infezione nella vagina o nella vulva (vulvovaginite)
  • Crisi
  • Coma
Circa il 10% delle persone che soffrono Sindrome di Steven Johnson morto della malattia. Nel frattempo, il 50 percento dei malati sperimenta una condizione fatale. Effetti a lungo termine di questo disturbo, vale a dire cambiamenti nel colore della pelle, xerosi (secchezza della pelle e delle mucose), sudorazione eccessiva, perdita di capelli e crescita anormale o perdita delle unghie. In un piccolo numero di casi, possono verificarsi altri problemi a lungo termine, ovvero alterazione del senso del gusto, difficoltà a urinare, anomalie genitali e infiammazione degli occhi.

Trattamento Sindrome di Steven Johnson

Perché Sindrome di Steven Johnson Questa è un'emergenza medica, che richiede cure mediche immediate. Il primo passo che verrà preso dal medico è smettere di usare determinati farmaci o curare l'infezione che ti fa avere questa sindrome. Nel frattempo, il trattamento che verrà ricevuto dai malati di questa sindrome durante la terapia intensiva in ospedale, vale a dire:
  • Sostituzione di liquidi e nutrizione

La perdita di pelle può causare molta perdita di fluidi corporei, quindi la sostituzione dei fluidi corporei è un trattamento importante da fare. Riceverai liquidi e sostanze nutritive da un sondino nasogastrico che viene convogliato attraverso il naso e nello stomaco.
  • cura degli infortuni

Gli impacchi freddi possono aiutare a lenire le vesciche. Lo strato di pelle morta verrà rimosso lentamente e coperto con una benda per evitare l'infezione. Potrebbe anche essere necessario un trattamento da un oftalmologo se questa sindrome colpisce i tuoi occhi.
  • Droghe

Alcuni farmaci che possono essere somministrati dai medici per il trattamento Sindrome di Steven Johnson , vale a dire farmaci antidolorifici per ridurre il disagio, farmaci per ridurre l'infiammazione degli occhi e delle mucose (steroidi topici) e antibiotici per controllare l'infezione (se necessario). Possono essere necessari anche altri farmaci a seconda della gravità. Se la causa alla base della sindrome di Steven-Johnson viene risolta e la reazione cutanea si interrompe, la nuova pelle inizierà a ricrescere nell'area interessata dopo alcuni giorni. Tuttavia, nei casi più gravi, il recupero può richiedere più tempo, anche mesi. Quindi, se dopo l'assunzione di determinati farmaci o durante l'esposizione a determinate infezioni si verificano sintomi simili a questa sindrome, è necessario consultare immediatamente un medico.

La sindrome di Steven-Johnson (SJS) può essere curata?

La sindrome di Steven-Johnson può essere curata, sebbene il processo di recupero possa variare tra i malati. Se la causa di SJS viene rimossa e la reazione cutanea viene interrotta, la pelle danneggiata di solito ricrescerà entro 2-3 giorni. Tuttavia, la guarigione completa di solito richiede da poche settimane a diversi mesi, a seconda della gravità dei sintomi. L'affaticamento e la mancanza di energia sono comuni nei pazienti dopo alcune settimane di dimissione dall'ospedale. Tuttavia, si dovrebbe comprendere che l'SJS può riapparire se il paziente assume nuovamente il farmaco che attiva l'SJS. Pertanto, se hai sperimentato SJS, è consigliabile:
  1. Conosci i farmaci che causano le reazioni SJS. Cerca di ricordare il nome e informa il medico o il farmacista ogni volta che visiti un medico.
  2. Avvisare gli operatori sanitari. Informa un professionista della salute come un medico o un farmacista della tua storia di SJS.
  3. Usa un braccialetto o una collana che contenga informazioni sulla salute. Se hai problemi a dirlo direttamente a un professionista della salute o a prevenire l'oblio. Cerca di indossarlo sempre.
[[Articolo correlato]]

messaggi recenti