Quali sono i 7 tabù per il morbillo nei bambini?

L'eruzione cutanea che appare quando un bambino soffre di morbillo può a volte essere scambiata per un'altra malattia, nientemeno che per la sua forma simile. Se viene confermato che il bambino ha il morbillo, ci sono diversi tabù per il morbillo nei bambini, come non uscire di casa il più possibile e non avere contatti diretti con persone suscettibili all'infezione. Naturalmente, il modo migliore per prevenire il morbillo è vaccinarsi. Il tipo di vaccinazione per il morbillo è MMR che è un pacchetto con rosolia e parotite. I bambini possono ottenere la vaccinazione MPR a partire dai 12 mesi di età.

Morbillo nei bambini

Quando il bambino è ancora allattato esclusivamente al seno, il suo corpo ottiene l'immunità passiva dalla placenta e dal latte materno. Tuttavia, ci sono studi che dicono che il sistema immunitario del bambino diminuisce quando calpesta 2,5 mesi o dopo aver smesso di allattare. Da qui l'importanza di somministrare la vaccinazione MPR ai bambini. Tuttavia, se hai il morbillo, ci sono diversi tabù per il morbillo nei bambini che devono essere fatti, come ad esempio:

1. Fare troppe attività fuori casa

Non importa quanto sia attiva, la prevenzione del morbillo nei bambini consiste nel fare attività fuori casa come la scuola, asilo nido, o altri luoghi pubblici. Questo è importante per non trasmettere il morbillo ad altri bambini nelle vicinanze. In primo luogo, limitare l'attività nei primi 4 giorni dalla comparsa dell'eruzione cutanea sul corpo.

2. Entra in contatto con altre persone

Oltre a non uscire di casa, limita anche il contatto con le persone suscettibili all'infezione da morbillo. Gli esempi includono bambini piccoli, bambini che non hanno ricevuto la vaccinazione MMR o persone con problemi immunitari.

3. Starnutire con noncuranza

Poiché il morbillo è altamente contagioso, assicurati di coprirti sempre la bocca e il naso quando starnutisci o tossisci. Fornire fazzoletti e gettarli via subito dopo l'uso. Ma se non ci sono fazzoletti, insegna ai bambini a tossire o starnutire all'interno del gomito, non nelle mani perché sono vulnerabili ad essere un mezzo di contaminazione per altri oggetti.

4. Lavarsi raramente le mani

L'astinenza dal morbillo nel bambino successivo non si lava le mani più spesso. Idealmente, lava sempre le mani di tuo figlio ogni volta che starnutisce, tossisce o tocca oggetti vicini. Questo metodo è efficace per garantire che non ci siano batteri o virus sulle mani. Lavati le mani con acqua corrente e sapone per almeno 20 secondi.

5. Condivisione di oggetti personali

Utilizzare sempre oggetti personali senza condividerli con altri per garantire un comportamento igienico ed evitare la trasmissione. Gli esempi includono oggetti come spazzolini da denti, asciugamani, posate e bicchieri. Se il bambino è già a scuola o inserito in a asilo nido, Dai un nome a ciascuno dei suoi oggetti personali per evitare di essere confuso.

6. Dare l'aspirina

Se il morbillo nei bambini è accompagnato da una febbre che li mette a disagio, va bene somministrare farmaci per ridurre la febbre. Naturalmente, sotto la supervisione di un medico. I tipi di farmaci per la riduzione della febbre comunemente somministrati sono: ibuprofene e acetaminofene. Dovresti evitare di somministrare l'aspirina perché può aumentare il rischio di sindrome di Reye, una malattia rara che danneggia il cervello e il fegato.

7. Non bere abbastanza

Non lasciare mai che tuo figlio non assuma abbastanza liquidi quando è malato. Qualunque sia la malattia, quello a cui devi fare attenzione è il rischio di disidratazione. Soprattutto se il bambino è ancora abbastanza piccolo e non riesce a comunicare chiaramente quando ha sete, i genitori o gli operatori sanitari devono essere sensibili quando è il momento di somministrare liquidi. [[articoli correlati]] I sintomi del morbillo come febbre, eruzioni cutanee, oppressione toracica, tosse e lacrimazione possono durare fino a due settimane. Tuttavia, la febbre di solito dura solo i primi 5 giorni. Il periodo più contagioso sono i primi 4 giorni dopo la comparsa dell'eruzione cutanea. Questo è chiamato periodo di contagio che impone ai bambini di stare a casa. Anche se in casa ci sono persone che non hanno ricevuto la vaccinazione contro il morbillo, dovresti evitare contatti troppo ravvicinati. Per questo motivo è importante essere sempre sensibili ai sintomi del morbillo che compaiono. Quanto più precoce è la diagnosi e l'individuazione della malattia, tanto più facile è attuare il tabù per il morbillo nei bambini.

messaggi recenti